martedì 13 maggio 2008

notizie discutibili su cui discutere /1





Angelo Panebianco sul corriere: "....se berlusconi non fosse esistito la sinistra l'avrebbe dovuto inventare per celare il vuoto ideologico lasciato dalla fine del comunismo".
Il vuoto ideologico sicuramente c'è stato e c'è tuttora ma definire l'antiberlusconismo solamente un'idea fissa della sinistra, l'uomo nero da annientare, mi sembra davvero una sciocchezza. Per quanto mi riguarda Berlusconi rappresenta - da vent'anni almeno - un modello di società che non condivido in nessuna delle sue forme perciò lo contesto e inviterei il caro giornalista a pensare che dietro i partiti, che sempre meno rappresentano i cittadini, ci sono persone in carne e ossa che scelgono e votano con la speranza di una società che si avvicini il più possibile alle loro concezioni e che essere contro chi è distante anni luce da queste loro idee non è solamente una questione di pancia (..."gli antiberlusconiani si rivolgono alla pancia dei loro militanti..") ma al contrario frutto di un pensiero ben preciso. Alla pancia del popolo solitamente parlano i demagoghi e non occorre essere dei geni per capire che parte stiano - vedi temi come sicurezza, tasse, ici ecc.ecc

p.s. sarei fra l'altro curioso di conoscere quale pensiero così moderno di società sia rappresentato dalle nostre destre?

Due o tre giorni fa sulle pagine del resto del carlino, nella rubrica "lettere dei lettori" in primo piano ben evidenziata vi era uno scritto di un lettore dal titolo
"UN ITALIANO SU TRE E' CONTRARIO ALLE MOSCHEE" ne seguiva uno sfogo alquanto accorato ma discutibile - almeno secondo me - ma il punto non è questo: soffermiamoci un istante sul titolo che a mio parere risulta fuorviante perché se si ragiona un "pochino" ci si rende conto ad onor del vero che il titolo corretto avrebbe dovuto essere: " DUE ITALIANI SU TRE SONO FAVOREVOLI ALLE MOSCHEE ". Suona diversamente non pensate?

Un abbraccio
Stefano

2 commenti:

Cristella ha detto...

Hai pienamente ragione, Stefano! Ma purtroppo la storia è sempre la stessa: fa più audience la brutta notizia di quella buona...

Stefano Mina "un onesto pittore riminese" ha detto...

@cristella

...E purtroppo ho la sensazione che sarà sempre peggio.In questi giorni si stanno verificando cose davvero preoccupanti! E' questo il paese che vogliamo, come laveremo le nostre coscienze quando avremo " ripulito " il nostro paese? E' questo il mondo in cui vogliamo vivere, un mondo intollerante e egoista.E' questo il prezzo da pagare al cosiddetto progresso? Per me progresso vuol dire senso civico, rispetto degli altri e delle leggi, apertura mentale e crescita culturale...vorrei una giustizia snella e equilibrata dove chi ruba una mela venga sanzionato per quel reato e chi evade il fisco o falsifichi i bilanci venga punito in rapporto alla gravità del danno e che l'abito rispettabile che ha indossato non lo renda meno responsabile del povero disgraziato: tutti invocano la giusta pena ma solo per alcuni, purtroppo! ciao