mercoledì 30 luglio 2008

QUESTA COSA E' SUCCESSA!

Questa cosa è successa.
In una scuola materna, 74 bambini dai tre ai sei anni.
Questo asilo fino a un paio di mesi fa era gestito dalla chiesa, ora non più... è stato appaltato da una cooperativa sociale.
Un paio di maestre facevano parte anche del precedente corpo insegnanti di matrice cattolica.
In questo asilo, prima di ogni pasto si recitano preghiere di ringraziamento: niente di così scandaloso anche se la scuola "dovrebbe" essere laica e fra i bambini vi sono alcuni albanesi forse non cattolici....
Non va bene, ma, lasciamo perdere. I giorni passano e ogni cosa procede abbastanza tranquillamente fino a quel fatidico giorno, quando, ecco il fattaccio:
Un bambino di tre anni - sciagurato - durante una di queste preghiere, si è permesso di disturbare, di chiacchierare con il compagno a fianco....
"fermi tutti, questa cosa è inammissibile" urla la veterana fra le docenti
"Tu- indicandolo con il dito accusatore- vieni subito qua!"
Il bambino non si muove.
"vieni quaaaa!" urla la maestra (?)
Il bambino si incammina verso l'inquisitrice.
Lei, lo prende per un braccio, lo strattona, ma solo un pochino, e lo costringe a salire su di una seggiola.
" lo sai che Gesù, è la persona più importante... che tutto quello che mangi lo devi a lui?..."
"Ora reciterai la preghiera qua, davanti a tutti! "
e così è stato!
ma.... no, non è finita... pensavate forse che per una simile mascalzonata bastasse questa piccola punizione, nooooo, qui ci vuole il colpo finale, quello che ti
educa o ti ammazza, per sempre... come si dice, la ciliegina sulla torta.

Il colpevole è sempre lì, in piedi sulla sedia davanti ai suoi perfidi piccoli compagnucci tenuto per un braccio da quella adorabile e delicata pedagoga.
Ma che strano, non piange... che bambino sfacciato. Solo tre anni e già così arrogante e insensibile!
Allora? allora ecco finalmente la giusta punizione, quella che purifica, quella che ti fa crescere con sani principi e con l'amore nel cuore:

" Bambini, attenti tutti!... mi fareste un bel buuuuuu per giuseppe, che se lo merita"
...Come no: BUUUUUUUUUUUUU! il tutto accompagnato da boccacce e sberleffi fanciulleschi.

Chebbello, cheggioia, che insegnamento, chissà come è contento Gesù di scoprire come alcuni suoi discepoli hanno interpretato le sue parole, grazie dolce maestrina, e grazie anche tu cara collega che hai applaudito davanti a questa lezione pedagogica veramente all'avanguardia ( dickens ci fa una sega a noi) gridando " sei stata grande R..."
ma, perché stupirci.... come dice spesso mio suocero: " i coglioni sono sempre in coppia"...

p.s. Spero tanto che possiate intravvedere le fiamme di quell'inferno che tanto temete e che vi si rosolino un tantino le chiappe, care maestre.

5 commenti:

morena ha detto...

sottoscrivo quella cosa. quella che hai detto sulle chiappe ;)

gea ha detto...

dio che schifo.
è una vita che combatto per il diritto alla laicità e per il rispetto della dignità dei bambini.
qualche piccola battaglia si riesce a vincerla, ma la guerra temo sia persa in partenza.
hanno dalla loro parte dogmatismo, incrollabili certezze e il silenzio timoroso dei più.

Stefano Mina "un onesto pittore riminese" ha detto...

ciao morena, ciao gea

la cosa poi che mi stupisce è che tali azioni vengano perpetrate in nome di un dio (gesù) che probabilmente non conoscono... anche per un non credente le parole dei vangeli sono tutte improntate sull'amore e sul rispetto dell'altro, figuriamoci poi nei confronti dei bambini... mah! chissà questi che cosa si sono letti.
Ho l'impressione che che la prima nemica di cristo sia proprio la chiesa.

stefano

Fabio ha detto...

Gesù mi ha detto di riferirvi che quello che sta succedendo non lo potete capire (per ora). Poi il piano didattico, con il tempo emergerà nella sua perfezione. Quindi non scandalizzatevi e fidatevi degli sgherri di Gesù!

Stefano Mina "un onesto pittore riminese" ha detto...

@ fabio?
gli sgherri sono sempre e soltanto sgherri... a volte più realisti del re.
ste